Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Torna anche quest'anno il Festival della violenza illustrata. All'Urban Center, dal 22 novembre al 3 dicembre 2011, la mostra fotografica di Silvia Morara "Come simili".

Anche quest'anno, in occasione del 25 novembre - giornata mondiale contro la violenza sulla donne - l'Associazione Casa delle Donne per non subire violenza si fa promotrice della VI edizione del Festival della violenza illustrata, che si svolge a Bologna dall'8 novembre al 3 dicembre e coinvolge tutta la città con un programma ricco di iniziative nato grazie alla collaborazione con numerosi altri enti ed associazioni. 

Oltre 35 eventi tra film, dibattiti, incontri e mostre, che costituiscono un’offerta formativa e culturale multidisciplinare, allo stesso tempo specialistica ma anche divulgativa, sul tema della violenza di genere.

L'Urban Center ospiterà la mostra fotografica di Silvia Morara "Come simili. Finchè gli uomini e le donne non si considereranno come simili", che sarà allestita nello spazio Esposizioni dal 22 novembre al 3 dicembre. La mostra itinerante Testimoni silenziose, dedicata alle vittime della violenza domestica, viene reinterpretata quest’anno dall’artista Silvia Morara.
Il progetto fotografico prevede un primo atto di immagini di giochi dedicati alle bambine, che spingono a una riflessione su come si agisce, più o meno consapevolmente, sulla formazione dell’identità delle bambine e sulla costruzione di quello che sarà il loro ruolo nel futuro. Nel secondo atto si fa più stretto il rapporto con la città, in un percorso fotografico che porta il visitatore quasi ad entrare in quelle abitazioni in cui sono avvenuti i delitti, accompagnate dalla cronaca dei femicidi in Italia.

In contemporanea, presso l’Urban Center, saranno allestite le sagome che rappresentano le donne uccise, corredate dal Report sul femicidio 2010, ricerca effettuata dalle volontarie della Casa delle donne di Bologna.

Per saperne di più e conoscere tutte le altre iniziative in programma visita il sito dell'Associazione Casa delle Donne.