Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Due percorsi dedicati all'architettura e all'urbanistica. Fino al 9 gennaio 2015 l'Urban Center Bologna ospita due mostre: nella sala Atelier “Pier Luigi Nervi, gli stadi per il calcio” e nella sala Esposizioni “Carlo Doglio e Bologna negli anni del decentramento”.

La mostra “Pier Luigi Nervi, gli stadi per il calcio” è dedicata a dieci tra progetti e realizzazioni di stadi in tutto il mondo dell'architetto e ingegnere formatosi a Bologna; “Carlo Doglio e Bologna negli anni del decentramento”, invece, è promossa in occasione del centenario della nascita di Carlo Doglio, urbanista “sui generis”, docente universitario ed importante esponente del movimento anarchico.

Le due mostre concludono un anno ricco di novità per l'Urban Center. Quella più importante è il nuovo allestimento della mostra permanente che, sin dalla riapertura lo scorso 25 settembre, registra migliaia di visitatori ogni settimana. Un plastico in stampa 3D, un percorso interattivo e approfondimenti per scoprire i progetti della città sono alcuni degli elementi della nuova mostra permanente.

Frutto di un concorso di idee che ha raccolto 27 proposte progettuali, il nuovo allestimento racconta i progetti di rigenerazione e le politiche urbane legate all'ambiente e alla mobilità, alla promozione territoriale e alla valorizzazione urbana, alla città digitale.

Tre le 
macro-aree che approfondiscono le principali politiche urbane della città metropolitana (Bologna Viva, Bologna Verde, Bologna Aperta) e quattordici i progetti di rigenerazione urbana che stanno contribuendo all’evoluzione della città.

Cuore dell'esposizione il grande plastico del territorio metropolitano bolognese, animato da proiezioni colorate, che supporta i visitatori nella comprensione della geografia della città e dei contenuti. Il modello, in scala 1:4.000, frutto del lavoro di oltre un anno di tecnici specializzati e studenti tirocinanti del Laboratorio Modelli di Architettura – Università di Bologna, è stato realizzato grazie a una macchina a controllo numerico che ha elaborato oltre 700 files e a una stampante 3D con cui sono stati prodotti gli edifici rilevanti, i monumenti e le infrastrutture (modellati al computer uno a uno).

Da dieci anni Urban Center Bologna comunica i progetti urbani, architettonici, infrastrutturali e ambientali della città e promuove iniziative sia pubbliche che private che qualifichino e migliorino il territorio metropolitano, coinvolgendo i cittadini e i Quartieri.

Tante le attività per il 2015: iniziative sui progetti per le nuove piazze del centro, per il Pilastro e per la Bolognina, nuove mostre temporanee sui temi più "caldi", come ad esempio la mobilità e l'agricoltura urbana, infine una attenzione speciale per i turisti e per i più giovani che stanno dimostrando grande interesse per la mostra rinnovata.

foto plastico sito