Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Martedì 6 ottobre alle ore 18.00 in Sala Atelier si terrà la tavola rotonda "La città spontanea. Pratiche informali e rigenerazione dello spazio urbano" a cura di Luca Vandini.

L'iniziativa vuole aprire una riflessione sull'ampio ampio ventaglio di iniziative spontanee che stanno nascendo, anche a Bologna, con l'intenzione di intervenire materialmente nello spazio urbano, modificandolo e riappropriandosene.
Se infatti da una parte la recente crisi ha portato molti progetti di sviluppo urbano a naufragare, rallentare o a subire importanti ridimensionamenti, dall'altra lo spazio urbano è oggi abitato da particolari e vivaci forme d’intervento di cui si riesce ancora difficilmente a catturare un’immagine esaustiva, essendo molto vasto sia il panorama degli esiti, quello dei processi e anche quello degli attori. La presenza d’iniziative di natura spontanea, di cittadinanza attiva e d’origine informale come il riuso di spazi in abbandono, le azioni di "guerrilla gardening", il recupero di aree dismesse per iniziative di vicinato, interventi di giardinaggio condiviso è una dimensione che non può più essere ignorata né semplicemente constatata come un fattore contingente.

Ne parleranno: Maurizio Bergamaschi (Università di Bologna), Patrizia Gabellini (Assessore Urbanistica, Città storica e Ambiente del Comune di Bologna), Nicola Marzot (Università di Ferrara/TU Delft), Giovanni Ginocchini (Direttore Urban Center Bologna). A cura di Luca Vandini (Politecnico di Milano - Dottorato in Governo e Progettazione del Territorio). 

> Scarica l'invito

la citta spontanea foto