Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Dal 6 al 30 aprile 2016 all'Urban Center Bologna una mostra che racconta la vita quotidiana di “ordinari” quartieri di edilizia sociale bolognesi, veri e propri incubatori di cittadinanza.

Abitare sociale, una indagine fotografica per Bologna è uno sguardo interpretativo su quelle parti di città che difficilmente trovano spazio nell’immaginario comune: la mostra restituisce infatti la ricchezza di alcune zone che più volte nel corso della storia sono state la fucina di un cambiamento positivo: la concentrazione di comunità differenti che si confrontano, la voglia di creare un percorso in autonomia, hanno offerto alla città energie preziose per il suo sviluppo. 

Energie reinvestite in progetti di rigenerazione urbana diffusa (come nel caso della Bolognina), di riqualificazione energetica (al Savena), di manutenzione e cura degli edifici di edilizia sociale (come a San Donato), di rivalorizzazione degli spazi pubblici della città.

La mostra si compone di due sezioni per tre percorsi urbani, o meglio tre porzioni di città, che sono sembrati particolarmente paradigmatici delle questioni appena espresse: la Bolognina, una porzione del quartiere San Donato e una del Savena.

La sezione Contemporanea (in Sala Atelier) espone il lavoro sviluppato dagli autori di Linea di Confine per la Fotografia Contemporanea, tra i migliori rappresentanti della fotografia contemporanea italiana: William Guerrieri, Guido Guidi, Francesco Neri e Marco Zanta. Attraverso la fotografia, si raccontano i processi di trasformazione dell’abitare sociale, l’utilizzo di aree e di strutture pubbliche, a cui gli abitanti dei quartieri hanno spesso preso parte in forma attiva con proposte, progetti o partecipando alle azioni promosse (anche) dalla pubblica amministrazione.

> Guarda una selezione delle foto in mostra nella sezione Contemporanea:



La sezione Storica (in Sala Esposizioni) espone una riorganizzazione di immagini storiche dell’archivio di Acer Bologna, sotto la cura scientifica di Matteo Sintini: un percorso simmetrico, negli stessi luoghi ma lontano nel tempo, per intendere, con la giusta distanza, da dove si è partiti, con quali radici e quale disegno.

> Scarica i pannelli della sezione Storica (.pdf 9.65MB)

Le sequenze delle immagini presentate nella mostra rendono vive le trasformazioni dell’abitare sociale. Seguire questo percorso, camminare dentro questi luoghi, potrà aiutare a ricostruire una mappa (senti)mentale della città e a reinterpretare questa Bologna fuori dal centro e dai luoghi comuni.

La mostra è stata visitabile dal 6 al 30 aprile 2016 ed è parte della rassegna Abitare sociale, energie per la città, promossa da Comune di Bologna e Urban Center Bologna
in collaborazione con Regione Emilia-Romagna, Asp Città di Bologna, Acer, Ordine degli Ingegneri di Bologna, Università di Bologna Dipartimento di Architettura
nell'ambito del progetto europeo Herb - Holistic Energy Retrofitting of residential Buildings.
con il sostegno di Galletti spa
media partner Ilgiornaledellarchitettura.com

Guarda il video introduttivo alla mostra:

Il catalogo
Urban Center Bologna ha pubblicato il catalogo della mostra, sesto numero della collana editoriale I Quaderni. Il volume, a cura di Marco Guerzoni e Samantha Trombetta con Francesco Evangelisti, è disponibile integralmente online.

> Vai al catalogo della mostra

Rivista Abitare
Le foto di Marco Zanta sono state inoltre pubblicate sulla rivista Abitare a corredo dell'articolo "La rinascita della Bolognina" pubblicato a gennaio 2017.