Condividi

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Mercoledì 29 giugno 2016 dalle ore 15.00 presso la Cappella Farnese di Palazzo d'Accursio è in programma il convegno “Salviamo il Gigante. La Fontana del Nettuno salvata dalle acque e dall’ambiente”. L'incontro sarà l'occasione per raccontare lo svolgersi dei lavori di restauro in corso alla celebre Fontana del Nettuno di Bologna.

Primo appuntamento di un ciclo di incontri organizzato dall’Università di Bologna e in particolare dall’Istituto di Studi Avanzati (ISA), il convegno illustrerà in particolare le motivazioni che sono alla base del progetto di conservazione e restauro del Gigante. Attraverso una ricostruzione storica degli interventi condotti negli anni, si arriverà al progetto attuale, che verrà raccontato nelle scelte strategiche e tecnico-scientifiche da vari esponenti degli enti coinvolti. L'incontro è aperto a tutti fino ad esaurimento posti, è necessaria l'iscrizione.

> Scarica il programma
> Per iscriversi

Il progetto prevede il restauro dell'intera scultura, sia delle parti in pietra che di quelle in bronzo, oltre che una revisione dell'impianto idraulico.
I lavori termineranno entro la fine del 2016.

Il nuovo progetto, a 30 anni dagli ultimi interventi di riqualificazione, conclusi nel 1990, sarà realizzato a partire dal lavoro di un Comitato Scientifico costituito nel 2015 da Comune di Bologna, Università di Bologna (in particolare i Dipartimenti di Architettura, Ingegneria, Ingegneria Industriale, Chimica e Scienze Biologiche), Istituto Superiore di Conservazione e Restauro di Roma (ISCR), CNR Area di Pisa, Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Bologna, Istituzione Bologna Musei e QN - Il Resto del Carlino.
Il restauro sarà realizzato da un pool congiunto di studenti dei corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico di Restauro di Roma, Matera e Ravenna, sotto la supervisione dell’ISCR. Ad esso si affiancheranno gli studenti e i dottorandi afferenti ai vari dipartimenti coinvolti nelle indagini.

Il progetto è finanziato attraverso una raccolta fondi promossa da QN - Il Resto del Carlino che ha visto la partecipazione di singoli cittadini, industriali e banche.
In particolare sono stati stanziati ad oggi quasi 680.000€ ripartiti fra partner istituzionali e sostenitori: il Comune di Bologna ha stanziato 200.000€, Unindustria 222.000€ (a cui se ne aggiungeranno altri 111.000 per la futura manutenzione), infine la raccolta fondi del Comune di Bologna e di QN - Il Resto del Carlino, grazie anche all’Art Bonus ha raggiunto la cifra di 257.493€.


foto di Roberto Ravaioli. Si ringrazia il Comune di Bologna.