Online gli esiti del bando di concorso "Ortipertutti - Concorso di progettazione per una agricoltura urbana".

La giuria del bando di concorso Ortipertutti aperto dal 18 luglio al 15 settembre 2014 ha decretato il vincitore.
Obiettivo del concorso era progettare un sistema di soluzioni per orti urbani di piccole-medie dimensioni all'interno di aree verdi pubbliche selezionate dall'Amministrazione comunale di Bologna: Giardino Giuseppe Impastato, Giardino via Fratelli Pinardi, Parco Campagna di via Larga.

Il concorso auspicava la partecipazione di professionisti, creativi ed esperti, per la progettazione di nuove aree ortive, con attenzione a criteri di sostenibilità, al design dei manufatti, alle scelte agronomiche, buone pratiche del riciclo, accessibilità e biodiversità.
Sono state presentate 81 proposte, alcune provenienti anche dall'estero (Regno Unito, Spagna, Colombia).

La Giuria del concorso era composta da membri esperti nominati da: Comune di Bologna, Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri, Università di Bologna, Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali e Confindustria Ceramica. I membri effettivi sono stati: Maria Luisa Boriani, Antonio Longo, Pierluigi Molteni, Giorgio Prosdocimi Gianquinto, Simona Tondelli, Daniele Vincenzi, Veronica Visani; i membri supplenti: Davide Dall'Aglio, Teresa Guerra, Francesco Pasquale, Teresa Renzi.

La Giuria si è riunita nei giorni 18-19 e 22 settembre 2014 deliberando la seguente graduatoria:

  • 1° premio: progetto n.3 Capogruppo arch. Massimo Peota di Rovereto (TN)
  • 2° premio: progetto n.47 Capogruppo arch. Luke Engleback di Tunbridge Wells (UK)
  • 3° premio: progetto n.74 Capogruppo arch. Valeria Bruni di Torino

La Giuria ha assegnato il primo premio al progetto presentato dall'Arch. Massimo Peota di Rovereto (TN) – Capogruppo, Paolo Guidotto, Davide Consolati e Valeria Zamboni, esprimendo questo giudizio: "il progetto risulta convincente per l'interpretazione del tema proposto ad una scala urbana estesa e per la capacità di fornire una regola compositiva chiara e facilmente applicabile ai differenti contesti. Il progetto è in grado di superare la logica degli orti come recinto chiuso, proponendo un impianto in grado di organizzare spazi aperti flessibili e ammettendo anche successivi sviluppi e modifiche. Pur non risultando adeguate alcune scelte paesaggistiche relative alle specie arboree, queste non hanno pregiudicato il positivo giudizio finale della giuria, in quanto sono ritenute rivedibili in fase esecutiva"

Il secondo premio è stato assegnato al progetto presentato dall'Arch. Luke Engleback di Tunbridge Wells (UK)- Capogruppo, Alessio Russo, Sam Ashdown, Josè Pastor Reig e il terzo premio al progetto presentato dall'Arch. Valeria Bruni di Torino – Capogruppo, Paola Gullino, Stefano Scavino.

La Giuria ha inoltre assegnato le seguenti menzioni d'onore:

  • Progetto n.30 Capogruppo arch. Silvia Maggi di Correggio (RE)
  • Progetto n.38 Capogruppo arch. Alessandro Pavan di Argelato (BO)
  • Progetto n.42 Capogruppo arch. Alfredo Borghi di Mirandola (MO)

Il 26 settembre 2014 alle ore 15.00 si è svolta presso il salone CERSAIE (Galleria dell'Architettura Gall.21/22) la cerimonia di premiazione del concorso dove vincitori e menzionati esporranno i loro progetti.
E' consultabile online il documento contenente i giudizi integrali dei vincitori e menzionati nel sito web concorsi.archibo.it/ortipertutti

Scopri i progetti vincitori:
> Primo classificato
> Secondo classificato
> Terzo classificato