I padiglioni e i gazebo sono strutture modulari utilizzate durante eventi per dimostrazione, esposizione e vendita di prodotti e merci o per lo svolgimento di manifestazioni e spettacoli.
Non è mai ammesso il posizionamento di strutture pressostatiche o gazebo gonfiabili.
I padiglioni sono tensostrutture modulari montate sia singolarmente che in serie, che si compongono di un telaio in metallo o legno, un telo di copertura in tessuto o in pvc, di colore neutro e privo di scritte, una pedana a terra in legno e chiusure laterali prive di inserti trasparenti; sono ancorati a terra, generalmente dotati di pavimenti auto zavorranti.
I gazebo sono strutture leggere automontanti, che possono essere affiancate le une alle altre. I gazebo si compongono di un telaio in metallo, di una copertura in tessuto o in pvc di colore neutro e privo di scritte, talvolta di teli laterali e sono privi di pedane.
Quando padiglioni e gazebo sono posizionati su strade o piazze in aderenza o in vicinanza a portici privi di muretto (ad una distanza inferiore a 3 metri), le loro dimensioni sono definite in relazione al portico stesso, in modo da non ingombrare completamente l'occhio.
L'altezza non supera quella massima del portico (intesa come altezza del colmo dell'arcata su strada), così come la larghezza. Le colonne e i pilastri sono sempre lasciati liberi alla vista.
Quando i padiglioni sono posizionati in aderenza ai portici, il piano di calpestio della pedana è posto in continuità con il piano di calpestio del portico, in modo da non costituire mai barriera architettonica.

Per saperne di più consultare:
Urp di Quartiere
comune.bologna.it/tasse/servizi/15:3017/27059/ (occupazione con oggetti mobili)
comune.bologna.it/impresa/servizi/76269/ (manifestazioni)
Attività Produttive e Commercio:
comune.bologna.it/impresa/articoli/3143 (vendite di beneficenza, raccolta firme, esposizione)
comune.bologna.it/impresa/collegamenti/2138 (manifestazioni)

Esempio:

GAZEBO esempio
> Scarica la scheda Padiglioni e gazebo (.pdf)
> Torna all'indice generale delle Linee guida