Elementi singoli o multipli, per realizzare barriere al transito di cicli e motocicli sotto i portici, i dissuasori si distinguono per forma e materiale:

  • in arenaria senza collare e base;
  • in metallo a tubo semplice, con basetta e sfera in sommità in ghisa, colore grigio scuro ferromicaceo (RAL 7011), senza boccole laterali per attacco catena e catarifrangente.

Sono sempre da evitare barriere parapedonali.

I dissuasori possono essere eventualmente installati solo nelle situazioni in cui l'utilizzo da parte di cicli e motocicli sia frequente e non occasionale e non via sia altro mezzo o sistema per impedirlo. I dissuasori sono collocati sia a protezione degli occhi di portico, sia in prossimità degli incroci stradali, laddove finisce l'edificio e si interrompe la continuità del percorso porticato.
I fittoni in ghisa sono più adatti alle architetture minori o moderne e quindi è da evitare la loro installazione nei contesti urbani caratterizzati da architetture storiche e monumentali.
Occorre evitare di collocare gli elementi di dissuasione su lastre di pietra preesistenti di grandi dimensioni e il loro fissaggio con fondazioni o con tasselli.

Per saperne di più consulta:
comune.bologna.it/trasporti/servizi/2:4035/4260/

Presentare la richiesta presso il Settore Mobilità Sostenibile e Infrastrutture.

Esempi:

DISSUASORI esempi

> Scarica la scheda Dissuasori (.pdf)
> Torna all'indice generale delle Linee guida